Wendell Berry. I poeti combattono con le poesie.

wendell berry

Una poesia da leggere di tanto in tanto. Per tenersi sulla giusta strada.

 

Manifesto del contadino impazzito

di Wendell Berry

Se amate il guadagno facile,

l’aumento annuale di stipendio,

le ferie pagate.

Se desiderate sempre più cose prefabbricate,

se avete paura di conoscere i vostri vicini di casa,

se avete paura di morire

allora nemmeno il vostro futuro

sarà più un mistero per il potere,

la vostra mente sarà perforata in una scheda

e messa via in un cassettino.

Quando vi vorranno far comprare qualcosa

vi chiameranno,

quando vi vorranno far morire per il profitto

ve lo faranno sapere.

Ma tu, amico, ogni giorno,

fai qualcosa che non possa entrare nei loro calcoli.

Ama la Vita. Ama la Terra.

Ama qualcuno che non se lo merita.

Conta su quello che sei e riduci i tuoi bisogni.

Fai qualche piccolo lavoro gratuitamente.

Non ti fidare del governo, di nessun governo,

e abbraccia gli esseri umani,

nel tuo rapporto con ciascuno di loro

riponi la tua speranza politica.

Approva nella natura quello che non capisci

e loda questa ignoranza,

perché ciò che l’uomo non ha razionalizzato

non ha distrutto.

Fai le domande che non hanno risposta.

Investi nel millennio.

Pianta sequoie.

Sostieni che il tuo raccolto principale

è la foresta che non hai piantato

e che non vivrai per sfruttare.

Afferma che le foglie quando si decompongono

diventano fertilità:

Chiama questo “profitto”.

Una profezia così si avvera sempre.

Poni la tua fiducia

nei cinque centimetri di humus

che si formeranno sotto gli alberi

ogni mille anni.

Metti l’orecchio vicino e ascolta

i bisbigli delle canzoni a venire.

Sii pieno di gioia,

nonostante tutto,

e sorridi,

il sorriso è incalcolabile.

Finché la donna non si svilisce nella corsa al potere,

ascolta la donna più dell’uomo.

Domandati:

questo potrà dar gioia alla donna

che è contenta di aspettare un bambino?

Quest’altro disturberà il sonno della donna

vicina a partorire?

Vai col tuo amore nei campi.

Stendetevi tranquilli all’ombra.

Posa il capo sul suo grembo

e vota fedeltà alle cose più vicine al tuo cuore.

Appena vedi che i generali e i politicanti

riescono a prevedere i movimenti del tuo pensiero,

Lascialo come un segnale per indicare

la falsa traccia,

la via che non hai preso.

Sii come la volpe che lascia molte più tracce del necessario,

alcune nella direzione sbagliata.

Pratica la meditazione.

Pubblicato in news, r-esistere | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Spreco di cibo. I più spreconi siamo noi consumatori!

Ci sono tre protagonisti dello spreco alimentare: la produzione, la distribuzione, il consumo. Le campagne finora si sono concentrate sia sull’apparato produttivo che su quello distributivo. Con un certo risultato. Gli sprechi in quei settori si stanno riducendo, o almeno vi sono organizzazioni o strutture che operano per contrastarli o contenerli, recuperando il cibo altrimenti destinato alla distruzione.

Il settore che risulta finora quasi inattaccabile è  il nostro frigorifero.

Si stima che il 25% del cibo che acquistiamo finisca in pattumiera.

Qualcuno si è sensibilizzato a questo problema ed ha cominciato ad agire.

fotoSelina Juul in Danimarca ha creato Stop SpildAfMad è il più grande movimento no profit danese contro lo spreco di cibo. Un movimento che ha avuto risultati straordinari, che si possono raggiungere razionalizzando i nostri comportamenti.

Al fine di far crescere la consapevolezza  dei consumatori  riguardo allo spreco, il Movimento organizza campagne di sensibilizzazione, dibattiti pubblici ed eventi di vario tipo per ridurre lo spreco alimentare.

Piccoli accorgimenti e grande attenzione possono azzerare i nostri sprechi, ed anche di risparmiare il tempo e il denaro che spendiamo per cibo che diverrà spazzatura. La buona gestione della nostra dispensa può aiutare a risolvere il problema della fame nel mondo e dell’inquinamento! SENSIBILMENTE possiamo cambiare il futuro del pianeta con questi piccoli gesti!

Scopriamo quali sono le trappole da evitare.

E’ abbastanza nota la differenza delle scritte che riguardano le scadenze: “consumare entro” per i prodotti freschi e “consumare PREFERIBILMENTE entro” per cibi conservati. In questo secondo caso il cibo è consumabile anche oltre la data indicata per più giorni o mesi a seconda del tipo di cibo, contano i nostri sensi (aspetto,sapore, ecc)

Mettere sempre il cibo davanti nel frigo e nella dispensa, il fondo del piano diminuisce la visibilità.

Non fate lista di ciò che vi serve,  ma fotografate frigo e dispensa per sapere cosa avete in casa.

Tracciate la storia del cibo sfuso (surgelate piccole porzioni ed  etichettatele).

Al supermercato usate cesti o  carrelli piccoli. Negli ultimi anni sono diventati sempre più  grandi.

Attenzione alle offerte sono super  trappole, ragionate sulla reale possibilità di consumare un tre per due.

Potendo scegliere comprate frutta o verdure meno perfette, costano meno e sono comunque buone.

Se aspettiamo  ospiti, o ci sono feste come Natale, Pasqua ecc. tendiamo a cucinare troppo, esagerando con le porzioni. Proviamo ad usare piatti un po’ più piccoli.

Gli avanzi è sono una vera  benedizione se li riutilizziamo o li condividiamo con i nostri vicini o amici.

NOI CONSUMATORI ABBIAMO IL POTERE DI CAMBIARE IL MONDO!

https://www.youtube.com/watch?v=5YzjBgl-v5g

foto

 

Pubblicato in news, ted talks | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Anticonsumismo consapevole: facciamocela noi la frittata.

Le strategie dell’industria alimentare non finiscono mai di sorprendermi. Per realizzare profitti esagerati grazie alla nostra dipendenza.

L’ultima chicca di questa tendenza reperibile nei supermercati è un preparato per frittata. Come testimoniano le foto si tratta di una busta di 30gr. che dichiara trionfalmente che “la Frittata è fatta”!preparato per frittata articolo

In realtà quei 30gr. contengono: fiocchi di patate 37% (patate 99%, emulsionante E471, stabilizzante E450i, antiossidanti : E304-E223(solfiti), spezie, correttore di acidità E330),  cipolla 33% (contiene solfiti), brodo vegetale (sale, estratto di lievito, farina di riso, cipolla, olio di girasole, aglio), porro 8%, prezzemolo.

Il tutto (o il poco) è disidratato, quindi bisogna aggiungere 100ml di acqua e per fare la frittata l’olio e … le uova.

Ora, per fare un soffritto di cipolla, con un pò di patata aggiunta , ci richiedono 1,56euro. Praticamente l’equivalente di un kilo di cipolle o di patate. In più riceviamo una buona dose di prodotti chimici conservanti, emulsionanti, ecc. Ma di quelli faremmo volentieri a meno…

preparato per frittata

Pubblicato in cucinare, mangiare, news, prodotti | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il Bio oltre gli enti certificatori.

sistemi  garanzia partecipataIn ogni discussione sul biologico, nasce l’obiezione sulla validità delle certificazioni e degli enti certificatori.

Ormai però le dimensioni delle produzioni e del  mercato sono tali, nonché l’innovazione introdotta dagli strumenti informatici in chiave sociale, che ci consentono di  vedere prossima la nascita di modalità diverse di certificazione delle produzioni biologiche.

Si tratta di una modalità di certificazione diretta da parte dei consumatori, che è in corso di definizione da IFOAM, a sua volta ente di certificazione internazionale.

Cosa implica questa novità? Saranno i consumatori, referenti dei produttori da cui si riforniscono, a essere prime parti in causa nella verifica delle modalità produttive, costituendo delle commissioni di certificazione.

Si chiude così il cerchio della fiducia, che spesso attualmente costituisce la fonte di tanti dubbi nei consumatori.

Già oggi su questo progetto si possono costituire dei gruppi attivi. Però una cosa è certa devono essere i consumatori ad uscire da un atteggiamento di passività, che tanto spesso li rende facilmente raggirabili.

Nei link le specifiche del progetto IFOAM

http://www.ifoam.bio/sites/default/files/pgs_brochure_italian.pdf

e di un gruppo già operante in Toscana.

http://www.garanziapartecipata.it/index.html

Pubblicato in buone notizie, coltivare, news, r-esistere | Contrassegnato , , | Lascia un commento

PER UN’AUTO DIVERSA. Non più status symbol, ma sopratutto condivisa.

Nasce un’altra opportunità di condivisione delle auto nella logica della sharing society.

La particolarità è costituita dal fatto che si tratta di una struttura informatica che gestisce le transazioni sostanzialmente tra privati, nata dopo alcuni tentativi infruttuosi pilotati da grandi aziende.

Cos’ha di diverso dal car sharing che conosciamo? O da BlaBlacar?

Si tratta di ottimizzare l’utilizzo delle auto, non offrendo solo passaggi , ma l’auto stessa per periodi brevi.

Se la mia auto è sempre in garage posso offrirla per il tempo in cui non la uso ad altre persone, prive di auto, per un corrispettivo decisamente più basso rispetto al noleggio.

La piattaforma applicativa, che gestisce il fenomeno, ricava una percentuale del 20% ed assicura la corretta gestione del rapporto, integrata anche della gestione dei feed back degli utenti, utili al controllo diretto del pubblico.

Una difficoltà (superata) è stata quella di trovare una formula compatibile con le leggi vigenti.

La formula è quella del ”rimborso spese per comodato d’uso”.

Lo scoglio maggiore (anche questo superato) è stato quello di trovare un contratto assicurativo (ed una  compagnia) che consentisse di coprire questo particolare rapporto.

Lorenzo Osti e Matteo Menarini, fondatori a Bologna di una neonata start-up, sono riusciti  nell’impresa.

La  loro società si chiama Auting ed è già attiva e funzionante a Milano. Provare per credere.

Altre esperienze analoghe negli Usa, in Germania e in Francia.

http://auting.it/come-funziona

auting

Pubblicato in buone notizie, ecoturismo, news | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Dove spendiamo i soldi, che non spendiamo nel bio!

Spesso i consumatori italiani dicono di non potersi permettere il cibo biologico, per il prezzo.

Ma dove spendono i loro denari gli italiani? In un’intervista del 18 aprile 2017 Oscar Farinetti cita un dato che deve farci riflettere: spendiamo 120 miliardi per il cibo e 90 miliardi per il gioco d’azzardo!

Al 53.mo minuto di questo link della trasmissione  “Animali come noi”

http://www.serviziopubblico.it/2017/04/animali-sesta-puntata-acnoi/

farinetti

Pubblicato in prodotti, r-esistere, to bio or not to bio | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Innovazione italiana nel settore apistico.

Eccellenze italiane. L’azienda Biogold secondo un servizio Rai ha messo a punto una attrezzatura per l’estrazione, non nociva per gli insetti,  del veleno delle api, preziosissimo per l’elaborazione sia cosmetica che farmaceutica . Scopriamo così un’azienda famigliare portata avanti e innovata con orgoglio da Nicolò Lo Piccolo, che grazie anche alla sua laurea in ingegneria ambientale, ha messo a punto quest’attrezzatura unica nel mondo. Oltre a produrre ortaggi e miele biologico. Dobbiamo essere fieri di quest’Italia!

http://www.e-ok.it/news/2016/11/estrarre-veleno-senza-nuocere-alle-api-si-con-la-bee-venom-collector-bio-gold/

veeno api

Pubblicato in animalismo, prodotti, r-esistere, ricerche | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Abbiamo troppe auto in Italia?

troppe auto in italiaInquinamento, occupazione del suolo, modello di vita…ecc.ecc.? Indipendentemente dalle motivazioni guardiamo i dati delle auto pro-capite. A parte il Lussemburgo che avendo solo 543.000 abitanti non fa testo, abbiamo di gran lunga il maggior numero di auto a testa in Europa. Ecco i dati elaborati nel 2015 dal Centro Studi Continental su fonti Aci e Istat
DATO EUROPA 487 auto ogni 1.000 abitanti
DATO ITALIA 608,1 auto ogni 1000 abitanti
Chi viene dopo e a che distanza?
GERMANIA 539
FRANCIA 512
SPAGNA 476
REGNO UNITO 464.
E in Italia qual è la mappa per regione?
Valle d’Aosta 1051,3 auto ogni 1000 abitanti (per condizioni vantaggiose per l’immatricolazione)
Trentino Alto Adige 710
Umbria 682,4
Molise 643,2
Marche 639,6
Veneto 602,4
Lombardia 587,9
Campania 569,5
Puglia 549,9
Liguria 522,7
Vale la pena di rifletterci. Al link l’articolo completo

http://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2015/01/06/news/quante_vetture_circolano_in_italia_-103859738/

 

Pubblicato in r-esistere | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Produrre metano con energia rinnovabile.

metanoRicercatori italiani mettono a punto un sistema rivoluzionario per produrre metano (metano CO2 neutrale) che non aumenta la CO2 prodotta dal ciclo energetico, ed ha tutta una serie di benefici per l’ambiente e un utilizzo energetico non inquinante. Sarà un’altra scoperta di cui ci dimenticheremo?

http://www.promedianet.it/pdf_articoli/CI_08_042_046_PP.pdf

Pubblicato in buone notizie, news | Contrassegnato , | Lascia un commento

Diciture ingannevoli, “galline allevate a terra” (Per consumatori consapevoli) .

Non è il solito articolo sulle diciture delle uova, che comunque riporto, ma vorrei richiamare l’attenzione su una di queste diciture che induce facilmente un’errata interpretazione.

Dunque le diciture che compaiono sulle uova sono un codice, di cui la prima lettera indica le modalità di allevamento.

codici uova bis

Ma facciamo un passo in più cerchiamo di interpretare questi dati in modo più percepibile.

Ovviamente l’allevamento in gabbia è atroce, perché 750 cmq sono un quadrato di 23,4cm di lato (in una gabbia per tutta la vita!ed è il 90% degli animali).

codice uova 3Ma la successiva modalità codice2-galline allevate a terra- viene percepito come un notevole plus, tant’è vero che viene enfatizzato dalle scritte sulle confezioni. In realtà questi animali sono confinati al chiuso con una presenza di 9 galline al metro quadro. Che significa 1111 cmq ciascuna e cioè un quadrato di  33,35 cm. Quindi un affollamento come su un bus all’ora di punta.

Il vero cambiamento si verifica con l’allevamento all’aperto (cod.1), che offre a parità di spazio a terra al coperto da 2,5 fino a 4metri quadrati all’aperto.

Meglio ancora se biologico (cod.0), che incrementa anche lo spazio al coperto (solo 6 galline per metro quadro) e limita a 3000 il numero massimo di galline per capannone.  In pratica l’allevamento bio di solito offre spazi aperti anche maggiori e vede in qualche caso  l’adozione opzionale di metodiche atte a favorire ulteriormente il benessere delle ovaiole. Ad es. le cosiddette arche mobili, pollai su ruote, che periodicamente vengono spostate per offrire sempre condizioni ottimali di pascolo su terreni sempre ricchi di erba e nutrienti, non contaminati da eccessivo accumulo delle deiezioni  delle galline stesse. (foto delle arche mobili alla cascina Santa Brera di San Giuliano milanese)

uova arche

Pubblicato in animalismo, news, prodotti, to bio or not to bio | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento