A Milano che acqua beviamo?

"Casa dell'acqua" e "vedovella" di via morgagni. Stessa acqua.

“Casa dell’acqua” e “vedovella” di via morgagni. Stessa acqua.

Se qualcuno si interrogasse sulle motivazioni storiche dell’insediamento umano sul luogo dove esiste Milano, troverebbe la risposta nella ricchezza e nella bontà delle acque che qui sgorgavano buone e copiose. Fino a qualche decennio fa, la bontà dell’acqua del rubinetto di Milano era proverbiale. L’avvento dell’industrializzazione ha parecchio inquinato le falde, a cui si è risposto elevando i limiti di tollerabilità, filtrando alcune sorgive dell’acquedotto, poche altre chiudendole. Oggi la gestione delle acque potabili è affidata alla società Metropolitana Milanese e chi volesse conoscere la composizione dell’acqua di Milano, e in particolare quella della sua zona, può consultare il sito www.milanoblu.com.

Ultimamente il comune di Milano ha sviluppato un’iniziativa per valorizzare l’acqua del rubinetto, facendo installare a marzo 2013 cinque Case dell’Acqua.

“Che cosa forniscono le case dell’acqua? Erogano acqua fresca, liscia o gassata. L’acqua è la stessa che sgorga dai rubinetti delle nostre case, il tutto a costo zero.” Questo dichiarano i comunicati ufficiali, indicando però in 189.000 euro il costo iniziale delle prime cinque installazioni (vedi comunicato su  http://alturl.com/ksw5g) senza contare i costi di manutenzione successiva. No comment.

Questa voce è stata pubblicata in amare milano, news. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>